11 dic 2007

Rilasciato il Service Pack 1 per Microsoft Office 2007

E' sato pubblicato il service pack 1 per la famiglia di prodotti Office 2007.
Il Service Pack 1 per la famiglia di prodotti Microsoft Office 2007 include importanti miglioramenti relativi alla stabilità e alle prestazioni, nonché funzionalità avanzate di protezione. Questo Service Pack contiene inoltre tutti gli aggiornamenti per la famiglia di prodotti Office 2007 rilasciati prima del mese di dicembre 2007. È possibile ottenere una descrizione completa di SP1, incluso un elenco di problemi risolti, nell'articolo della Microsoft Knowledge Base 936982: Descrizione del Service Pack 1 per la famiglia di prodotti Microsoft Office 2007.
SP1 include inoltre miglioramenti alla stabilità sviluppati sulla base delle segnalazioni degli utenti raccolte tramite Microsoft Online Crash Analysis, nonché grazie ai commenti e suggerimenti forniti al Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft.
Di seguito il link per il download:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=9ec51594-992c-4165-a997-25da01f388f5

06 dic 2007

Windows Server 2008 Release Candidate 1 e Windows Vista SP1

Sono state rilasciate la Release Candidate 1 di Windows Server 2008 e della Service Pack 1 di Windows Vista.
Windows Server 2008 RC1
Lo sviluppo del prodotto è giunto quasi al traguardo. Il rilascio finale è previsto per il primo trimestre del 2008, e il lancio per il 28 febbraio.
La versione di Hyper-V inclusa nella RC1 è la stessa CTP disponibile con la RC0, ma dovrebbe essere disponibile a breve un aggiornamento.
Trovate il download della RC1 di Windows Server 2008 alla pagina http://www.microsoft.com/windowsserver2008/audsel.mspx .

Windows Vista SP1 RC1
Come annunciato nel blog del Team di Windows Vista sarà presto disponibile per il download anche la RC1 della SP1 di Windows Vista, inizialmente tramite Microsoft Connect , poi per gli iscritti a MSDN e TechNet Plus, e dalla prossima settimana dovrebbe essere disponibile per tutti dal Download Center.
Come già segnalato è disponibile un documento (basato sulla Beta della SP1) che contiene informazioni relative alla Service Pack stessa. Sono migliorati i requisiti per l'installazione, ad esempio lo spazio su disco necessario.
Il rilascio della SP1 è previsto nel primo trimestre del 2008. Saranno prima rilasciate le versioni a 32 bit e 64 bit in Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco e Giapponese, e nell'arco di 8-12 settimane saranno rilasciate (tutte insieme) le versioni a 32 bit e a 64 bit delle altre lingue (Italiano incluso).

29 nov 2007

Rilasciato Exchange 2007 SP1

In queste ore e' stato rilasciato il Service Pack 1 di Exchange Server 2007, disponibile da oggi al download pubblico. Di seguito alcune tra le più importanti feature:

  • Standby Continuous Replication
  • Supporto estensivo configurazioni in NLB per ruoli CAS/HT
  • Gestione GUI estesa a Public Folders, IMAP4/POP3
  • Estensioni PowerShell (EMS) per lo scripting
  • Estensioni significative a OWA
  • Integrazione con Office Communications Server 2007
  • Miglioramento prestazioni, minor consumo RAM (specie in installazioni con molti DB/Store)

Su questo articolo di TechNet Magazine vengono brevemente illustrate.

Aggiornato anche l'SDK corrispondente.

18 nov 2007

Help scomparso in sbs 2003

Su alcuni server che eseguono SBS 2003 il servizio "Guida in linea e supporto" scompare dopo l'installazione di Windows 2003 Service Pack 2.
Questa situazione ha una casistica relativamente bassa, tuttavia è possibile eseguire i seguenti comandi per risolvere il problema:

1. Aprire un prompt dei comandi.
2. Posizionarsi su %windir%\PCHealth\HelpCtr\Binaries
3. Digitare: start /w helpsvc /svchost netsvcs /regserver /install

Una volta eseguito questo comando il servizio sarà di nuovo visibile in "services.msc" e basterà avviarlo!

15 nov 2007

Utilizzare il comando netsh per configurare il vostro notebook per diverse reti

Se avete necessità di collegare il vostro computer portatile in reti diverse, è possibile salvare e ripristinare la configurazione di rete utilizzando il comando netsh.exe.
Quando si configura un computer portatile ad esempio per il vostro ufficio, è possibile salvare la configurazione per un successivo ripristino.
netsh -c interface dump > c:\cfgrete\ufficio.txt
Ora supponete di voler fare un backup anche della configurazione di casa.
netsh -c interface dump > c:\cfgrete\casa.txt
Ok, ora siete in grado di poter ripristinare la vostra configurazione di rete a seconda della vostra posizione, utilizzando lo switch -f.
netsh -f interface dump > c:\cfgrete\ufficio.txt
netsh -f interface dump > c:\cfgrete\casa.txt

13 nov 2007

Windows Server 2008: le versioni

Sono state anunciate le versioni in cui sarà reso disponibile Windows Server 2008.

Windows Server 2008 Standard (x86 e x64)
Windows Server 2008 Enterprise (x86 e x64)
Windows Server 2008 Datacenter (x86 e x64)

Nelle versioni per i processori x64 con Intel-VT e AMDV dei sistemi operativi elencati in precedenza è disponibile l'hypervisor per il supporto di macchine virtuali.
Windows Server Web Server 2008 (x86 e x64 e questa è un'altra novità)
Windows Server 2008 for Itanium based systems

Per gli utenti che non necessitano dell'hypervisor saranno disponibili le versioni:
Windows Server 2008 Standard without Hyper-V
Windows Server 2008 Enterprise without Hyper-V
Windows Server 2008 Datacenter without Hyper-V

Per ogni licenza si avrà diritto di eseguire:
Windows Web Server 2008: un'istanza fisica o una virtuale
Windows Server 2008 Standard: un'istanza fisica e un'istanza virtuale
Windows Server 2008 Enterprise: un'istanza fisica e quattro istanze virtuali
Windows Server 2008 Datacenter: un'istanza fisica e un numero illimitato di istanze virtuali

http://www.microsoft.com/windowsserver2008/editions/overview.mspx

11 nov 2007

Windows Server "Centro" ufficialmente battezzato Windows Essential Business Server

Windows Essential Business Server è la nuova soluzione server di Microsoft per le piccole e medie imprese, da 50 a 250 computer. Windows Essential Business Server offre uno standard di configurazione che è stato progettato per soddisfare le esigenze della maggior parte delle medie imprese. La configurazione è ottimizzata per soddisfare le best practice di messa in rete, sicurezza, collaborazione, e di accesso remoto. L'integrazione di Windows Essential Business Server semplifica l'installazione, la migrazione, e la concessione di licenze per i prodotti server di Microsoft che una media impresa utilizza più di frequente. La maggior parte dei servizi di rete e delle risorse sono gestite attraverso un unica Console di amministrazione, che è accessibile da qualsiasi punto della rete o in remoto tramite una rete privata virtuale.

Windows Essential Business Server deve essere installato su tre server fisici.

Windows Essential Business Server Management Server: fornisce i servizi di collaborazione e di rete (contiene System Center Essential e funge da DC)
Windows Essential Business Server Security Server: gestisce la sicurezza, gli accessi ad Internet e gli accessi da remoto (contiene ISA Server e Exchange Gateway)
Windows Essential Business Server Messaging Server: come si evince dal nome gestisce la parte di comunicazione (contiene Exchange Server 2007 e Forefront Security for Exchange)

Se siete interessati alla prossima Beta 2 di Windows Essential Business Server, andate alla pagina http://connect.microsoft.com/, e loggatevi con il vostro Windows Live ID (ID Passport).
Inserite il seguente invito ID: EBSE - VKDP - 276Y.
Vi verrà chiesto di prendere parte ad una breve indagine, una volta completata verrà valutata la domanda di partecipazione al Techbeta.

08 nov 2007

Esame 70-620: Windows Vista, Configuring

Dopo un periodo di pausa post 70-282 , torno all'attacco con la nuova serie di certificazioni.
Oggi ho sostenuto con successo l'esame 70-620: Windows Vista, Configuring. Erano circa 60 domande, in lingua inglese .. sì perchè adesso è possibile scegliere anche la lingua italiana per il test! .. Penso che non lo farò mai ... :) Da oggi sono MCP - MCTS (Lo so che state pensando già un sacco di acronimi divertenti)
Ora sotto ad exchange 2007.

Microsoft Search Server 2008 Express

E' disponibile per il download la RC di Microsoft Search Server 2008 Express.
Si tratta di un nuovo prodotto di Enterprise Search che sarà reso disponibile come download gratuito e che è pensato per facilitare la ricerca dei contenuti nei documenti aziendali fornendo all'utente un'interfaccia di impostazione delle ricerche praticamente identica a quella disponibile sul WEB (live search). Search Server 2008 consente di essere configurato attraverso una semplice interfaccia web based per indicizzare i contenuti di Sharepoint (Windows e Office), i public folder di Exchange, i repository di Lotus Notes e ovviamente i file server.
http://www.microsoft.com/enterprisesearch/serverproducts/searchserverexpress/default.aspx

07 nov 2007

Windows Live Completo

Finalmente i prodotti live sono usciti dalla fase beta.
Il pacchetto comprende:
Photo Gallery per la gestione e la condivisione di fotografie
Writer per la creazione di contenuti da pubblicare su blog.
Il nuovo Messenger per chiaccherare con gli amici
Mail un comodissimo gestore di account di posta su Hotmail che consente anche di gestire più account contemporaneamente.
Family Safety per definire regole di navigazione e accesso al web per i diversi componenti della famiglia
Una nuova versione della Toolbar per facilitare la ricerca su Live Search e in locale
Events per la pianificazione, gestione e condivisione di eventi con altre persone.
Il nuovo Hotmail con una migliorata interfaccia di gestione (se nonè possibile usare Mail...)
http://get.live.com/WL/config_all

06 nov 2007

Remote Desktop Gadget 2.0


Segnalo questo utilissimo gadget per windows sidebar, Remote Desktop Gadget 2.0.
E' possibile, utilizzare i preferiti ed anche avere uno storico dei collegamenti rdp.
http://gallery.live.com/liveItemDetail.aspx?li=c7f9c661-ed0b-44e9-b69c-c068c52110ab&l=1c068c52110ab&l=1

31 ott 2007

Microsoft Windows Small Business Server 2003 Best Practices Analyzer

Microsoft Windows Small Business Server 2003 Best Practices Analyzer, è in grado di esaminare un server in cui è in esecuzione SBS 2003 e di fornire un lista di informazioni ed errori. Windows SBS Best Practices Analyzer esamina la configurazione del server e raccoglie le informazioni provenienti da numerose fonti, tra cui:
• Active Directory Windows Management Instrumentation (WMI)
• Registry
• Metabase
Dopo aver raccolto le informazioni circa la configurazione del server, Windows SBS Best Practices Analyzer verificherà che le informazioni siano corrette e quindi presenterà agli amministratori un elenco di problemi ordinati per gravità. L'elenco descrive ogni problema e fornisce una raccomandazione oppure una possibile soluzione.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyId=3874527A-DE19-49BB-800F-352F3B6F2922&displaylang=en

30 ott 2007

Microsoft sharedview Beta 2

Microsoft sharedview è un veloce e facile modo per condividere documenti e desktop con piccoli gruppi di amici o collaboratori; sempre e ovunque.
Una sorta di evoluzione di remote assistance, è possibile scaricare la beta 2 qui:
http://get.live.com/betas/sharedview_betas.

29 ott 2007

Windows Vista, aumentiamone le prestazioni.

Se avete windows vista inserito in un dominio Windows server 2003 (e non) a volte le copie e gli spostamenti dei file, sia locali che remoti, hanno dei tempi infiniti. In realtà non c'è una vera e propria soluzione in merito, ma dei piccoli workaround.
Il primo è quello di disabilitare la Compressione Differenziale Remota (RDC) attraverso il programma OptionalFeatures.exe, il secondo di disabilitare il TCP Autotuning con il comando:
netsh interface tcp set global autotuninglevel=disabled. Ed infine, nel caso in cui le vostre copie di file sulla rete si blocchino continuamente mandandovi in crash Explorer, installate l'hotfix 931770, che Microsoft non rilascia pubblicamente, ma che invita a richiedere al proprio supporto tecnico.

22 ott 2007

Cambiare la directory di default per le virtual machine - Virtual Pc

Cambiare la posizione di salvataggio di default delle macchine virtuali diventa d'obbligo se vogliamo incrementare le prestazioni, oppure semplicemente se ci siamo stufati di selezionare la stessa directory sul disco esterno ad ogni creazione di una nuova vm.
Ecco la procedura:
1. Nelle proprietà di sistema sotto avanzate, fare click sul pulsante Variabili d'ambiente.
2. Sotto variabili di sistema, creare una nuova variabile:
Nome variabile: MYVIRTUALMACHINES
Valore variabile: d:\percorso
Confermiamo con ok. Da ora in poi le nuove vm verranno create nel nostro nuovo percorso

08 ott 2007

Impossibile attivare Windows Defender da Security Center - Windows Vista

Sintomi
Non è possibile attivare Windows Defender da Security Center su un computer che esegue Windows Vista, Security Center non è in grado di rilevare Windows Defender.
Soluzione
1. Eseguire un prompt dei comandi con dritti amministrativi
2. Digitare il seguente comando: winmgmt /salvagerepository.
Se al primo tentativo di esecuzione il comando fallisce, riprovare a lanciare il comando dopo qualche minuto, questo problema persiste solo fino a quando il servizio rimane in pending.
3. Riavviare Windows Vista

03 ott 2007

Connettore Pop3 di sbs 2003 e download minimo di 15 minuti

Di questi tempi tutti hanno molta fretta, e quando diciamo che il nostro server SBS 2003 scarica la posta minimo ogni 15 minuti, ci viene immediatamente richiesto se è possibile abbassare questo tempo.
Come al solito aggiungiamo la solita key reg risolvi tutto:
Posizioniamoci su
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\SmallBusinessServer\Network\POP3Connector
Aggiungiamo:
Value Name: ScheduleAccelerator
type: DWORD
Value data: 3
Con il valore 3 viene eseguito il download ogni 5 minuti. Calcolando 15:3=5, dove 15 è il tempo presente nella GUI della console del connettore e 3 è il rapporto di divisione.

Il DHCP di SBS 2003 si disattiva in presenza di altri DCHP in rete

Il servizio DHCP di SBS va in shutdown quando rileva un altro servizio DHCP in rete, ma in qualche caso potrebbe essere utile manterlo attivo.
Aggiungendo una key reg possiamo ottere facilmente ciò che volgliamo:
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Services\Dhcpserver\Parameters
Inseriamo questa nuova dword:
Value Name: DisableRogueDetection
Data type: REG_DWORD
Radix: Binary
Value data: 1

25 set 2007

Release Candidate 0 di Windows Server 2008

Oggi è stata rilasciata la Release Candidate 0 (RC0) di Windows Server 2008.
A questo punto codice e feature sono stati completati, contribuendo ad un aumento di stabilità e di performance. Da ora in poi lo sforzo del team di sviluppo sarà incentrato sui miglioramenti delle performance e sul bug-fixing.

Per scaricare la Release Candidate 0 è necessario registrarsi alla pagina http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/beta/lhs/default.mspx .

Documentazione tecnica di supporto.
Con la RC0 è stata rilasciata anche della documentazione tecnica di supporto e valutazione. Ovviamente la documentazione resa disponibile aumenterà nelle prossime settimane.
In particolare, potete già trovare:
Novità relative ai Terminal Services e al Clustering di Windows Server 2008: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=46dc26d6-af47-43f0-b3de-521831fe09d6&DisplayLang=en
Step by Step Guides: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=518d870c-fa3e-4f6a-97f5-acaf31de6dce&DisplayLang=en . Sono le guide relative alla installazione e al funzionamento dei servizi e dei componenti di Windows Server 2008.
Requisiti di sistema e opzioni di installazione: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=1087a498-40ad-46ba-9ada-f32a58a94a85&DisplayLang=en
Windows Media Services - Streaming Media Services http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=898fe4ff-92fc-4ab8-bd5a-6ce689004b40&DisplayLang=en
Cambiamenti delle funzionalità da Windows Server 2003 SP1 a Windows Server 2008: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=173e6e9b-4d3e-4fd4-a2cf-73684fa46b60&DisplayLang=en

18 set 2007

Office 2003 Service Pack 3 (SP3)

Il 17 Settembre viene ufficialmente rilasciato il Service Pack 3 di Office 2003.
Questo Service Pack contiene importanti nuovi aggiornamenti della protezione. Sono inclusi inoltre gli aggiornamenti rilasciati in precedenza per Office 2003.
Link per il download:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=e25b7049-3e13-433b-b9d2-5e3c1132f206
Relativa descrizione:
http://support.microsoft.com/default.aspx/kb/923618

Windows Live Mail Beta v. 12.0.1270

Pubblicata la nuova beta di Windows Live Mail, ora alla versione 12.0.1270 ed in lingua italiana.
L'installer scarica la release direttamente da internet dove sarà possibile decidere se installare altri servizi live. Durante l'installazione verrà installato\aggiornato anche live messenger versione 2008. Un ottimo client mail e non solo....
http://get.live.com/betas/maildesktop_betas

Windows Live Translator

Si tratta di un servizio di traduzione automatica che permette di sottoporre testi (fino a 500 parole per blocco) in una lingua e ottenerne la traduzione in un'altra. Il servizio è basato sulla tecnologia di SYSTRAN.
Interessante la possibilità di indicare al motore di traduzione che il testo sottoposto è di carattere informatico ottenendo in questo modo una traduzione più aderente al testo originale.
http://translator.live.com/

15 set 2007

Process Explorer v11.02

E' stato aggiornato alla versione 11.02 il mitico Process Explorer di sysinternals (ora di microsoft).
Piena compatibiltà con Windows Vista e delle novità completano ulteriormente questo software indispensabile.
http://www.microsoft.com/technet/sysinternals/ProcessesAndThreads/ProcessExplorer.mspx

Risponditore LLTD (Link Layer Topology Discovery) per Windows XP

Nella mappa di rete di un computer che esegue Windows Vista è inclusa una visualizzazione grafica dei computer e dei dispositivi presenti in rete e della relativa modalità di connessione tramite il protocollo LLTD. È necessario che il risponditore LLTD sia installato in un computer che esegue Windows XP affinché possa essere rilevato e visualizzato nella mappa di rete.
E' possibile scaricare questo aggiornamento (KB922120) qui:
https://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=4f01a31d-ee46-481e-ba11-37f485fa34ea&displaylang=it

09 set 2007

Windows XP SP3 e Windows Vista Sp1

A fine agosto è stato annunciato che il Service Pack 3 di Windows Xp sarà disponibile all'incirca nella prima metà del 2008 ed a differenza di SP2, sarà solo una raccolta di roll-up con tutti gli hot-fixes e le patches rilasciate. Non sono previste nuove implementazioni, ad eccezione di NAP (Network Access Protection), una funzionalità già compresa in Windows Vista e che richiederà Windows Server 2008.
La fase di beta testing è appena iniziata con la versione (Build 5.1.2600.3180).

Microsoft ha pubblicamente confermato l’intenzione di avviare la distribuzione del primo Service Pack (SP 1) per Windows Vista durante il primo trimestre 2008. La distribuzione del Service Pack avverrà tramite Windows Update e supporti ottici, per chi dispone di contratti aziendali. Attualmente è già stata avviata la fase di Beta testing, che entrerà nel vivo a metà settembre con il coinvolgimento di 10/15 mila utenti. Entro la fine del 2007 sarà poi disponibile una versione «pubblica» direttamente scaricabile tramite le piattaforme MSDN e TechNet.

29 ago 2007

Microsoft Group Policy Diagnostic Best Practice Analyzer

GPDBPA è un tool che permette di testare lo stato di salute delle Group Policy.
Il tool permette di eseguire test sulla configurazione delle group policy in un determinato ambiente. I dati vengono raccolti in un file di output XML e poi confrontato con le impostazioni di base al fine di evidenziarne le differenze.

http://support.microsoft.com/Default.aspx?kbid=940122

28 ago 2007

Cambiare il Product Key di Office 2007

Dalla suite di Office 2007 non è possibile cambiare il product key aka seriale, anche se in qualche caso potrebbe essere necessario poterlo fare!
Seguiamo i seguenti step:
1. Chiudere tutte le applicazioni office in esecuzione.
2. Premere il tasto Start (la bandierina sulla tastiera) + R, digitare regedit nel campo Apri, poi click OK.
3. Localizzare le seguenti registry subkey: HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Office\12.0\RegistrationNote
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Office\12.0\Registration\{91120000-0011-0000-0000-0000000FF1CE}
Cerchiamo: ProductName= (esempio: ProductName=Microsoft Office Professional Plus 2007)
Eliminiare le entries seguenti:
DigitalProductID
ProductID
4. Uscire da Editor del registro di configurazione.
Al prossimo avvio di office 2007 verrà richiesto il nuovo seriale.

Fare click su installa, alla fine della procedura sarà possibile attivare office senza reinstallarlo.

27 ago 2007

Windows Vista Battery Saver

Questo piccocola uility che voglio segnalare, promette di incrementare la durarata della batteria, su un computer che esegue windows vista, addiritura del 70%.
Ho testato vista battery saver su un notebook hp celeron, e devo dire che ha prodotto ottimi risultati.
Ovviamente disabilitando aero e sidebar.....
La cosa interessante è che le funzioni che disabilita sono personalizzabili, e il programma si attiva quando cambia la sorgente di alimentazione, o la percentuale di batteria restante scente sotto una certa percentuale.
Il software è ancora in beta .. ma durante il suo utilizzo non è stato rilevato alcun problema.
http://www.codeplex.com/vistabattery/

25 ago 2007

Compatibilità tra Windows Vista e Windows SBS 2003

Al fine di ottenere una completa compatibilità tra Windows Vista e Small Business Server sarà necessario seguire le istruzioni seguenti:

1. Articolo 926505 della Knowledge Base - Scaricare e installare l'aggiornamento di Windows Small Business Server 2003 per la compatibilità con Vista e Outlook 2007 (KB 926505) nel server in uso dalla sezione Informazioni rapide di questa pagina.

2. Articolo 911829 della Knowledge Base- Scaricare questo aggiornamento dal sito Web Microsoft. Installare questo aggiornamento sul server in uso per supportare i computer client che eseguono Outlook Web Access (OWA) e Windows Vista.

3. Provider WMI per i profili utente - Questo provider è necessario per consentire agli utenti di accedere a documenti e impostazioni utente per i relativi profili esistenti, dopo l'aggiunta del computer al dominio di Windows SBS.
Per consentire agli utenti di accedere ai documenti e alle impostazioni esistenti dopo l'aggiunta del computer client al dominio, prima di utilizzare http://nomeserver/ConnectComputer scaricare e installare il provider WMI per i profili utente in ogni computer client che esegue Windows Vista. Non è necessario installare il provider se non sono presenti impostazioni e documenti utente locali.
Accedere al computer client che esegue Windows Vista e quindi scaricare e installare il provider WMI per i profili utente dal sito Web Microsoft

4. Se si esegue Windows Small Business Server 2003 Premium Edition, installare i seguenti aggiornamenti per Internet Security and Acceleration Server 2004:
- Service Pack 2 per Microsoft Internet Security and Acceleration (ISA) Server 2004 Standard Edition - Scaricare il Service Pack dal sito Web Microsoft per consentire la sincronizzazione tra il client Outlook di Windows Vista e la cassetta postale di Exchange sul server.
* Client firewall per ISA Server
- Scaricare il software del client firewall dal sito Web Microsoft a una cartella condivisa sul server in uso (ad esempio la cartella ClientApps).
- Da ogni computer client che esegue Windows Vista accedere alla cartella condivisa sul server in cui è stato scaricato il client firewall per ISA Server 2004 e quindi installarlo.
- Quando viene richiesto di configurare il client firewall digitare il nome del server in uso.Nota: il client firewall per ISA Server è supportato per Windows Vista, Windows XP e Windows 2000.
* Pacchetto di aggiornamento per ISA Server 2004 – Installare il pacchetto dal sito Web Microsoft per supportare i computer client che eseguono le edizioni a 64 bit di Windows Vista.
5. Per ulteriori informazioni sulla configurazione manuale di eventuali impostazioni aggiuntive, vedere "Utilizzo di Windows Vista e Outlook 2007 in una rete Windows Small Business Server 2003" nel sito Web Microsoft. In questo documento viene ad esempio illustrata la configurazione manuale del nome del server fax per ogni computer client che esegue Windows Vista.

07 ago 2007

Windows Vista: Internet explorer cannot download /from help

Aprendo Help e Support da un pc che esegue windows vista, viene restituito l'errore :
Internet explorer cannot download /from help.
Si verifica se è stata settata un altra applicazione predefinita per i file xml.
E' possibile risolvere questo problema inserendo nel registro di configurazione le impostazioni di default:

(Copiare le righe in blu in un file con estensione .reg)

Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CLASSES_ROOT\.xml]@="xmlfile""Content Type"="text/xml""PerceivedType"="text"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.xml\OpenWithList]
[HKEY_CLASSES_ROOT\.xml\OpenWithList\winword.exe]@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.xml\PersistentHandler]@="{7E9D8D44-6926-426F-AA2B-217A819A5CCE}"

06 ago 2007

PowerToy per l'elevazione dei privilegi degli script in Windows Vista

L'elevazione di un'attività o applicazione in base alle necessità è diventata un'abitudine. Tuttavia, non sono mancati gli inconvenienti, con conseguenti delusioni, nell'elevazione di alcuni tipi di attività in Windows Vista.
Nello spirito dei vecchi PowerToy di Windows, Michael Murgolo ha pensato di creare alcuni PowerToy di elevazione degli script per superare queste limitazioni.
È possibile trovare tutti i PowerToy nell'articolo di technet magazine a cui faccio riferimento.
http://www.microsoft.com/technet/technetmag/issues/2007/06/utilityspotlight/default.aspx?loc=it

01 ago 2007

Inoltro della posta verso un indirizzo email esterno appartenente allo stesso dominio - Exchange 2003

In ambito small and medium business capita spesso di avere gli indirizzi email presso un provider e di dover inoltrare la posta verso un indirizzo email esterno e appartenente allo stesso dominio (pippo.it).
Supponiamo alcune figure commerciali che lavorano fuori azienda e che non abbiano un account presso il nostro server exchange, ma possiedono comunque un indirizzo email del tipo commerciale@pippo.it, appartenente quindi allo stesso dominio.
Quando un utente appartenente all'organizzazione di exchange 2003 tenta di inviare una e-mail ad un account (commerciale@pippo.it) non presente in AD (Active Directory) riceve un NDR (non delivery report).
Per evitare questo problema dovremo istruire il nostro server smtp virtuale, in modo da inoltrare ad un altro server smtp gli indirizzi non risolti all'interno del dominio.
Per modificare le proprietà dell'smtp Virtuale al fine di settare il forward dei messaggi per i recipients insoluti , seguire questi punti:
a. In Exchange System Manager, espandere Administrative Groups, espandere Administrative
Group Name, espandere Servers, espandere ServerName, espandere Protocols, espandere SMTP, e poi cliccare sul corrispondente SMTP virtuale
b. click-destro su Default SMTP Virtual Server, poi click su Properties.
c. Click sul tab Messages.
d. Inserire l'smtp server del provider nel box :Forward all mail with unresolved recipients, poi click su OK.

[Aggiornamento]
Se tutte le mail a indirizzi non presenti in AD devono essere mandate non solo
all'esterno ma in un'altra organizzazione cioè il classico scenario "shared
namespace"
La soluzione proposta in precedenza lavora usando un'eccezione e le
possibilità di gestirla sono poche (ad esempio sul connettore è possibile
impostare smart host, limiti di dimensioni dei messaggi, autenticazione sul server SMTP remoto, etc...).
In pratica, togliamo il flag da "This organization is responsible...." nelle
recipiemt policy e creiamo un connettore apposito per reindirizzare il
traffico.
Come riferimento possiamo consultare il seguente articolo:
http://www.msexchange.org/tutorials/Exchange-2003-SMTP-Namespace-Sharing.html
La soluzione è marcata come "another solution" ed è alla fine dell'articolo.
Questa è più complessa da impostare ma dà la massima flessibilità di
gestione e sicuramente risulta più elegante.

Grazie a Gabriele Tansini.
Gabriele Tansini , Microsoft Certified Master: Exchange 2007, Senior Premier Field Engineer - Exchange in Microsoft

24 lug 2007

Windows Vista ReadyBoost

Prima di Windows Vista, operazioni di background quali la scansione e i backup automatici venivano eseguite quando meno potevano influire sull'attività dell'utente. Adesso, con il nuovo sistema operativo Microsoft, la tecnologia Windows SuperFetch rileva le applicazioni più utilizzate e le predispone precaricandole in memoria.
Windows ReadyBoost, utilizzata in combinazione con SuperFetch, consente l'utilizzo di un'ulteriore fonte di memoria in aggiunta alla DRAM per l'elaborazione dei dati e delle applicazioni. Questa funzionalità è ideale per sistemi con capacità di espansione della memoria limitate. Ad esempio, se il notebook ha una capacità di memoria massima di 1 GB, Windows ReadyBoost consente l'utilizzo di un dispositivo di memoria flash, come più rapido supporto di storage per la cache ReadyBoost.
Quando la si collega a una porta USB 2.0 di un sistema Vista, viene visualizzata la finestra di dialogo della funzionalità AutoPlay di Windows Vista AutoPlay (figura 1), che offre la possibilità di utilizzare il dispositivo per ReadyBoost.

23 lug 2007

Utilizzo dello strumento Ntdsutil.exe per assegnare o trasferire ruoli FSMO a un controller di dominio

Sappiamo che con l'applicazione delle moderne piattaforme a 64 bit, gli upgrade in place non saranno più attuabili, ed in futuro sarà più che mai necessario trasferire/assegnare i ruoli dei server.

Trasferimento dei ruoli FSMO tramite Ntdsutil:
1. Accedere a un computer membro o a un controller di dominio basato su Windows 2000 Server o Windows Server 2003 presente nell'insieme di strutture in cui devono essere trasferiti i ruoli FSMO. Si consiglia di effettuare l'accesso al controller di dominio a cui si stanno assegnando i ruoli FSMO. Per trasferire i ruoli Master schema o Master per la denominazione dei domini, l'utente connesso deve essere un membro del gruppo di amministratori dell'organizzazione oppure un membro del gruppo di amministratori di dominio del dominio in cui verranno trasferiti i ruoli Emulatore PDC, Master RID e Master infrastrutture.
2. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare ntdsutil nella casella Apri, quindi scegliere OK.
3. Digitare roles e premere INVIO. Nota Per visualizzare un elenco dei comandi disponibili a ciascun prompt dello strumento Ntdsutil, digitare ? e premere INVIO.
4. Digitare connections e premere INVIO.
5. Digitare connect to server nomeserver e premere INVIO, dove nomeserver è il nome del controller di dominio a cui si desidera assegnare il ruolo FSMO.
6. Al prompt server connections digitare q e premere INVIO.
7. Digitare transfer ruolo, dove ruolo è il ruolo che si desidera trasferire. Per un elenco dei ruoli che è possibile trasferire, digitare ? al prompt fsmo maintenance, quindi premere INVIO oppure consultare l'elenco dei ruoli riportati all'inizio del presente articolo. Per trasferire, ad esempio, il ruolo Master RID, digitare transfer rid master. L'unica eccezione riguarda il ruolo Emulatore PDC, la cui sintassi sarà transfer pdc e non transfer pdc emulator.
8. Al prompt fsmo maintenance digitare q e premere INVIO per accedere al prompt ntdsutil. Digitare q, quindi premere INVIO per chiudere lo strumento Ntdsutil.

Assegnazione dei ruoli FSMO
1. Accedere a un computer membro o a un controller di dominio basato su Windows 2000 Server o Windows Server 2003 presente nell'insieme di strutture in cui devono essere assegnati i ruoli FSMO. Si consiglia di effettuare l'accesso al controller di dominio a cui si stanno assegnando i ruoli FSMO. Per trasferire i ruoli Master schema o Master per la denominazione dei domini, l'utente connesso deve essere un membro del gruppo di amministratori dell'organizzazione oppure un membro del gruppo di amministratori di dominio del dominio in cui verranno trasferiti i ruoli Emulatore PDC, Master RID e Master infrastrutture.
2. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare ntdsutil nella casella Apri, quindi scegliere OK.
3. Digitare roles e premere INVIO.
4. Digitare connections e premere INVIO.
5. Digitare connect to server nomeserver e premere INVIO, dove nomeserver è il nome del controller di dominio a cui si desidera assegnare il ruolo FSMO.
6. Al prompt server connections digitare q e premere INVIO.
7. Digitare seize ruolo, dove ruolo è il ruolo che si desidera assegnare. Per un elenco dei ruoli che è possibile assegnare, digitare ? al prompt fsmo maintenance, quindi premere INVIO oppure consultare l'elenco dei ruoli riportati all'inizio del presente articolo. Per assegnare, ad esempio, il ruolo Master RID, digitare seize rid master. L'unica eccezione riguarda il ruolo Emulatore PDC, la cui sintassi sarà seize pdc e non seize pdc emulator.
8. Al prompt fsmo maintenance digitare q e premere INVIO per accedere al prompt ntdsutil. Digitare q, quindi premere INVIO per chiudere lo strumento Ntdsutil.

Trasferimento dei ruoli FSMO tramite GUI
Se volessimo utilizzare la gui, dovremo ricordarci di registare "schmmgmt.dll", tramite il comando:
regsvr32 schmmgmt.dll

Link di riferimento:
http://www.petri.co.il/transferring_fsmo_roles.htm
http://support.microsoft.com/kb/255504

17 lug 2007

Exchange 2007: Limite dei 10mb sui connettori di ricezione.

In Exchange 2007, la grandezza massima permessa per i messaggi in arrivo è gestita dai vari connettori di ricezione, installati nella nostra organizzazione.
Exchange 2007 contiene 2 connettori di ricezioni predefiniti "Client" e "Default", Il cui parametro "MaxMessageSize" per default è settato a 10 Mb.
Vediamo ora, attaverso Exchange Management Shell, quanti connettori e quali valori troviamo nel nostro ambiente exchange 2007.

Andiamo dunque in EMS e digitiamo il seguente comando:
get-receiveconnector select identity,maxmessagesize. (Figura 1)

Ora incrementiamo il valore "MaxMessageSize" tramite il comando:
set-receiveconnector "Nome Connettore" -maxmessagesize 100MB (Figura 2)
p.s. Attenzione al nome del connettore!!
Figura1:




13 lug 2007

Risposte automatiche, inoltro e fuori sede sono disabilitate su Exchange 2003/2000.

Una domanda ricorrente riguardo exchange 2003 riguarda proprio la fatidica risposta fuori sede.
Per motivi di sicurezza le risposte automatiche, forward e risposte fuori sede sono disabilitate per default in exchange 2000/2003.
Quando viene settata la regola per inivare una risposta fuori sede da un client outlook, le risposte non vengono inoltrate verso le caselle di posta internet.
Per abilitare exchange 2003 all'invio delle risposte fuori sede attenersi alla seguente procedura:
Per i prodotti in lingua inglese:
1. Start Exchange System Manager.
2. Double-click Global Settings, and then click Internet Message Formats.
3. In the Details pane, right-click a domain name, and then click Properties . The default Simple Mail Transfer Protocol (SMTP) domain is * (asterisk).
4. In the Properties dialog box, click the Advanced tab.
5. In the Allowed Types area, click to select the check boxes for the required settings.
6. Click OK.
Per i prodotti in lingua italiana:
1. Eseguire Gestore di sistema di exchange
2. Fare doppio click su Impostazioni Globali, poi su Formato Messaggi Internet.
3. Dal pannello dettagli (a destra), click tasto dx del mouse su *, poi click su proprietà.
4. Dalla mascherà proprietà, clik sul tab Avanzate
5. Aggiungere i check box richiesti
6. Click su ok

11 lug 2007

27 febbraio 2008: Lancio di Windows Server 2008

Sarà il 27 febbraio 2008 la data di lancio di Windows Server 2008, SQL Server 2008, Visual Studio 2008.

04 lug 2007

VMRCPlus è diventato pubblico

VMRCplus è un tool che consente di gestire la configurazione di virtual server nonchè di controllare le macchine virtuali.
E' in grado di effettuare la gestione simultanea di 32 host virtual server.
Le macchine virtuali sono raggruppate in una sola finestra che usa maschere differenti per ogni VM.
VMRCplus è un'applicazione Windows e non richiede IIS per gestire Virtual Server.
Fino a qualche giorno fa, questa utility era a solo ad uso "interno" di Microsoft, è stato sviluppato da un dipendete MSFT.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=80adc08c-bfc6-4c3a-b4f1-772f550ae791&DisplayLang=en

03 lug 2007

Windows Easy Transfer per Windows XP

Windows Easy Transfer consente di copiare in modo automatico file, foto, musica, messaggi di posta elettronica e impostazioni nel computer in cui è installato Windows Vista. Questo rende molto più semplice installare un nuovo computer con tutte le impostazioni e i dati personali. Questo software fornisce il supporto per il trasferimento dei dati con Easy Transfer Cable o attraverso una rete, un'unità esterna oppure CD/DVD. Invece di scaricarlo, è possibile installare Windows Easy Transfer dal CD unito a Easy Transfer Cable o seguendo le direttive presenti nella versione Windows Vista di Windows Easy Transfer su come copiare il programma in Windows XP.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=2B6F1631-973A-45C7-A4EC-4928FA173266&displaylang=it

02 lug 2007

Windows Vista e l'account amministratore segreto.

In Windows Vista esiste un account amministratore segreto oltre al classico account amministratore.
Questo account differisce dal normale account amministratore che vediamo sul computer. Il suddetto account non fa parte del gruppo amministrator, è una specie di “super amministratore”, un po’ come l’utente root in Linux e nei vari sistemi operativi basati su Unix, e di default è disattivato e nascosto.
Nelle versioni precedenti di Windows rispetto a Windows Vista l’account Amministratore non era nascosto ed i più lo usavano come account principale o addirittura come unico account.
In Windows Vista Microsoft ha voluto cambiare quanto valeva per le versioni precedenti di Windows. In questo nuovo sistema operativo di casa Microsoft l’account Amministratore non è soggetto all’User Account Control (UAC), a differenza dei normali accounts amministratori. Pertanto l’account Amministratore (ovvero quello segreto) può effettuare qualsiasi modifica al sistema senza ricevere le finestre di avviso dell’UAC.
Attivare l’account Amministratore (segreto) è tuttavia un’operazione possibile.
Digitare cmd nel box di ricerca del menù Start, cliccare col tasto destro sull’icona del prompt dei comandi che appare in cima al menù Start, e spuntate la voce Esegui come amministratore (o create un collegamento apposito.
Fatto ciò, digitate quanto segue e successivamente premete Invio:
Net user administrator /active:yes
Da ora in poi, l’account Amministratore (quello segreto) apparirà nella finestra di log-on (quella di Benvenuto, in cui dovete scegliere che account far partire, dopo il boot del sistema), insieme quindi a tutti gli altri eventuali account che avete sul computer. L’account Amministratore segreto potrete dunque usarlo come un normalissimo account, tuttavia avendo tutti i privilegi possibili, superiori, come detto, anche ai normali account amministratori. Questo account Ammistratore non possiede password; pertanto se lo attivate e avete altre persone o account sul computer, è consigliabile assegnargli una password.
Se volete poi disattivare l’account Amministratore appena sbloccato e nasconderlo, inserite il seguente comando in una sessione di DOS:
Net user administrator /active:no
Personalmente vi sconsiglio di tenere attivato costantemente questo account, in quanto un suo uso non ragionato potrebbe risultare dannoso per il sistema a livello di sicurezza e non solo. Per le operazioni di ogni giorno è meglio usare il vostro account normale, con l’UAC attivo.

27 giu 2007

Outlook Connector

E' disponibile per il download la beta di Outlook Connector, che permette di accedere da Outlook 2003 e Outlook 2007 alle mailbox ospitate su Hotmail/Windows Live Mail.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=7aad7e6a-931e-438a-950c-5e9ea66322d4

25 giu 2007

Windows SteadyState

E' stato rilascialto Windows SteadyState, il successore di Windows Shared Computer Toolkit.
In tutte le occasioni in cui è presente la necessità di condividere un computer tra utenti diversi, evitando problemi di sicurezza e garantendo la possibilità di ripristinare una configurazione predefinita, SteadyState è la soluzione.
Potete trovare tutte le informazioni sul sito ufficiale di SteadyState:
http://www.microsoft.com/italy/windows/products/winfamily/sharedaccess/default.mspx

24 giu 2007

Inviare un fax come messaggio di posta elettronica - OUTLOOK 2003

Per inviare un fax come messaggio di posta elettronica Aprire Outlook 2003.
Scegliere Nuovo dal menu File, quindi fare clic su Messaggio. Verrà visualizzato un nuovo modulo di messaggio.
Nella riga A eseguire una delle operazioni seguenti:
Digitare un numero di fax nel formato seguente: [fax:numero fax]
oppure
Immettere un destinatario fax dall'elenco dei contatti personali, dai contatti di una cartella pubblica o dall'Elenco indirizzi globale dell'azienda.
Digitare l'oggetto e il messaggio, quindi fare clic su Invia.
N.B.:
Per includere un frontespizio, in Outlook scegliere Account di posta elettronica dal menu Strumenti. Selezionare Trasporto posta e fax, quindi fare clic su Cambia. Selezionare la casella di controllo Includi frontespizio. Selezionare un frontespizio, quindi fare clic su OK.
Per inviare un fax dal desktop è necessario che sia installato Trasporto posta e fax. Per verificare se è installato, in Outlook scegliere Account di posta elettronica dal menu Strumenti. Trasporto posta e fax deve essere incluso nell'elenco.

Nuovo aspetto dei programmi più familiari di Microsoft Office System 2007

In questo mini corso pubblicato da Microsoft su Office Online sarà possibile verificare cosa è cambiato in Microsoft Office 2007 e perché.
Impareremo ad utilizzare la barra multifunzione per le attività quotidiane, ed a comprendere le funzionalità dei nuovi formati di file.
http://office.microsoft.com/training/training.aspx?AssetID=RC101482291040

16 giu 2007

Conversione dei WEBCAST Microsoft in altri formati

I webcast passati di technet (http://www.microsoft.com/italy/technet/eventi/webcast/passati.mspx), sono molto compressi ed utilizzano l'encoder di wm9.
Per convertirli in un altro formato, ad esempio per visualizzarli sul proprio palmare o smartphone, servirà WM9Encoder, scaricabile dal sito microsoft.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=5691ba02-e496-465a-bba9-b2f1182cdf24&displaylang=en.

14 giu 2007

Come aggiungere un certificato digitale su WINDOWS MOBILE 2003

Per sincronizzare un pocket pc basato su windows mobile 2003, con exchange server sarà necessario installare il certificato digitale (del server) .

Nella maggior parte dei casi si preferisce utilizzare il certificato digitale generato dal server exchange senza acquistarne uno di terze parti, per evitare che il pocket esegua la verifica sulla validità del certificato, dobbiamo disattivarla temporanemente.

Ci serviremo di questo tool: DisableCertCheck, che va utilizzato da command line, con il dispositivo windows mobile collegato al pc.

Ora dobbiamo copiare nel pocket pc il certificato digitale che abbiamo esportato dal server di exchange.
La procedura è descritta nel link sottostante:
Utilizziando questa ulility : Personal Cerficate Import saremo in grado di installare in nostro C.D.
Infine basterà configurare le opzioni server in Activesync sul ppc ed avremo ottenuto la sincronizzazione remota con il nostro exchange,tramite internet (GPRS - UMTS).

12 giu 2007

Microsoft Virtual Server 2005 R2 SP1

Finalmente disponibile per il download la versione finale di virtual server r2 sp1.
Tra le novità : Supporto della piattaforma di virtualizzazione AMD-V oltre a Intel IVT, Supporto del Volume Shadow Copy Service, Possibilità di montare i VHD Offline, Supporto dell'integrazione con Active Directory tramite i service connection points ....
http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/eval/virtualserver/default.mspx
http://www.microsoft.com/windowsserversystem/virtualserver/

06 giu 2007

Componente aggiuntivo di Microsoft Office 2007: Salvataggio in formato PDF

Questo Componente aggiuntivo per Office 2007 consente di esportare e salvare documenti nei formati PDF e XPS in otto applicazioni di Microsoft Office 2007. Consente inoltre di inviare i file come allegati di posta elettronica in formato PDF o XPS in un sottoinsieme di tali applicazioni.
Di seguito il link per il download del componente:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=4D951911-3E7E-4AE6-B059-A2E79ED87041&displaylang=it

05 giu 2007

Exchange Server 2007 Transport: 452 4.3.1 Insufficient system resources

Il Database delle code di exchange 2007 ha bisogno di almeno 4Gb liberi su Hd, se questa condizione non viene soddisfatta ricevereremo l'errore smtp 452 4.3.1 Insufficient system resources, ed i messaggi in entrata verranno rifiutati!!
Nell'event viewer troveremo l'evento 15002 da MSExchangeTransport.
Per risolvere questo problema sarà necessario spostare il db ed i log delle code du una partizione con più spazio.
Editiamo con notepad il file: "C:\Program Files\Microsoft\Exchange Server\Bin\EdgeTransport.exe.config".
I Parametri da cambiare sono nella sezione "AppSettings":
http://technet.microsoft.com/en-us/library/f170cb0c-04a9-4fa7-b594-206e3a787e14.aspx

Facciamo ripartire il servizio "trasporto di microsoft exchange" (Microsoft Exchange Transport service) ed è fatta!.

02 giu 2007

Microsoft Office Compatibility Pack per formati di file Word, Excel e PowerPoint 2007

Con il rilascio di office 2007 e dei nuovi formati di file, sorge il problema della compatibilità con le versioni precedenti di office.
Il Compatibility Pack risolve pienamente consentendoci di Aprire, modificare e salvare documenti, cartelle di lavoro e presentazioni nei nuovi formati di file introdotti in Microsoft Office Word, Excel e PowerPoint 2007.
Ecco il link per download:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=941B3470-3AE9-4AEE-8F43-C6BB74CD1466&displaylang=it

Come configurare una dichiarazione di non responsabilità su Exchange 2007

Possiamo utilizzare Exchange Management Console o Exchange Management Shell per configurare le dichiarazioni di non responsabilità dette anche "disclaimer" nei computer in cui è installato il ruolo "Hub and Transport"
Utilizzo di Exchange Management Console per creare una dichiarazione di non responsabilità
1. Aprire Exchange Management Console sul server Trasporto Hub.
2. Nell'albero della console fare clic su Configurazione organizzazione, quindi su Trasporto Hub.
3. Nel riquadro dei risultati fare clic sulla scheda Regole di trasporto, quindi nel riquadro azioni fare clic su Nuova regola di trasporto .
4. Nel campo Nome immettere il nome della dichiarazione di non responsabilità.
5. Se si desidera inserire delle note, immetterle nel campo Commenti.
6. Per creare la dichiarazione di non responsabilità con stato disabilitato, deselezionare la casella di controllo Abilitata. In caso contrario, lasciare la casella di controllo selezionata.
7. Scegliere il pulsante Avanti.
8. Nella casella Passaggio 1: selezionare le condizioni: selezionare tutte le condizioni da applicare alla dichiarazione di non responsabilità. Per applicare la dichiarazione di non responsabilità a tutti i messaggi di posta elettronica, non selezionare le condizioni in questo passaggio.
9. Se le condizioni sono state selezionate nel passaggio precedente, nella casella Passaggio 2: modificare le condizioni (fare clic su un valore sottolineato), fare clic su ciascuna parola sottolineata in blu.
10. A questo punto viene visualizzata una nuova finestra in cui si richiedono i valori da applicare alla condizione. Selezionare i valori che si desidera applicare o immettere i valori manualmente. Se nella finestra viene richiesto di aggiungere manualmente i valori a un elenco, digitare un valore quindi scegliere il pulsante Aggiungi. Ripetere questo processo fino all'immissione di tutti i valori, quindi scegliere OK per chiudere la finestra.
11. Ripetere il passaggio precedente per ciascuna condizione selezionata. Dopo avere configurato tutte le le condizioni, scegliere Avanti.
12. Nella casella Passaggio 1. Selezionare le azioni, fare clic su aggiungi dichiarazione di non responsabilità utilizzando carattere, dimensione, colore e racchiudi i messaggi se non conforme.
13. Nella casella Passaggio 2: modificare le condizioni (fare clic su un valore sottolineato), fare clic su ciascuna parola sottolineata in blu. Ogni parola, ad eccezione di dichiarazione di non responsabilità, è il valore predefinito per ciascun campo. Per ulteriori informazioni su queste proprietà dell'azione, vedere "Proprietà dell'azione relativa alla dichiarazione di non responsabilità" in Azioni delle regole di trasporto. I campi sono Posizione, Dichiarazione di non responsabilità, Carattere, Dimensione carattere, Colore carattere, Separatore e Azione di fallback.
14. Quando si fa clic su una parola sottolineata in blu, viene visualizzata una nuova finestra in cui viene richiesto di selezionare gli elementi che si desidera aggiungere o di digitare i valori manualmente. Al termine, scegliere OK per chiudere la finestra.
15. Ripetere il passaggio precedente per ciascuna azione selezionata. Dopo avere configurato tutte le le azioni, scegliere Avanti.
16. Nella casella Passaggio 1: selezionare le eccezioni: selezionare tutte le eccezioni da applicare alla regola. Non è obbligatorio selezionare le eccezioni.
17. Se le eccezioni sono state selezionate nel passaggio precedente, nella casella Passaggio 2: modificare la descrizione della regola (fare clic su un valore sottolineato), fare clic su ciascuna parola sottolineata in blu.
18. Quando si fa clic su una parola sottolineata in blu, viene visualizzata una nuova finestra in cui viene richiesto di selezionare gli elementi che si desidera aggiungere o di digitare i valori manualmente. Al termine, scegliere OK per chiudere la finestra.
19. Ripetere il passaggio precedente per ciascuna eccezione selezionata. Dopo avere configurato tutte le eccezioni, scegliere Avanti.
20. Esaminare il Riepilogo configurazione. Se si è soddisfatti della configurazione della nuova regola, fare clic su Nuovo, quindi su Fine.
Utilizzo di Exchange Management Shell per creare una dichiarazione di non responsabilità
http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb123927.aspx#Mtps_DropDownFilterText
http://technet.microsoft.com/it-it/library/1d65402d-467e-48e6-8e29-2cb6bda0e6ba(d=printer).aspx

31 mag 2007

Attivazione Antispam su ruolo Hub Exchange 2007

Le feature antispam di Exchange 2007 sono attivate di default sul ruolo Edge dell'architettura di posta: possono tuttavia essere attivate anche sul ruolo Hub e garantire quindi protezione in architetture dove non è presente un Edge server.
L'attivazione avviene tramite la Management Shell di Exchange e permette di abilitare anche i Forefront Antispam Premium Services. Per prima cosa devono essere installati gli agent antispam e poi configurati gli aggiornamenti delle signature e dell'IP reputation list, garantiti da Forefront.
Passo 1.
- Lanciare la Management Shell
- posizionarsi nella directory \Exchange Server\Scripts
- lanciare il comando "./install-antispamagents"
Nella GUI di Exchange, adesso, sotto Organization Configuration - Hub Transport sarà visibile il tab Antispam come sui ruoli Edge.
Passo 2.
- lanciare la Management Shell
- eseguire "Enable-AntispamUpdates -Identity $servername -IPReputationUpdatesEnabled $True -UpdateMode Automatic -SpamSignatureUpdatesEnabled $True"
- verificare la corretta configurazione eseguendo "Get-AntispamUpdate"
Ulteriori informazioni sui parametri di configurazione del comando Enable-AntispamUpdates possono essere reperite al seguente indirizzo:
http://technet.microsoft.com/en-us/library/aa998006.aspx

Microsoft Surface

Microsoft Surface è una nuova classe di computer con cui si interagisce attraverso un touch-screen evoluto.
Microsoft Surface è in grado di riconoscere gli oggetti che si appoggiano sullo schermo (anche di leggerne il contenuto!!) e di gestire l'interazione di più persone/mani contemporaneamente...
Guardate il video ne vale la vena.. è veramente sensazionale.
http://on10.net/Blogs/larry/first-look-microsoft-surfacing-computing/

29 mag 2007

Molte nuove funzionalità in TERMINAL SERVICES su Windows Server 2008

Microsoft ha recemente aggiunto una serie impressionante di nuove funzionalità in Windows Terminal Services per "Windows Server 2008".

Storicamente la stampa nei servizi terminal di windows è sempre stata difficile a causa della mancata corrispondenza dei driver. Una soluzione innovativa è stata implementa in windows server 2008, si chiama "TS Easy Print", una nuova stampante universale basata su XPS. Nelle versioni precedenti era necessario installare lo stesso driver stampante fra il server terminal ed il PC che eseguiva Remote Desktop affinchè si potesse stampare correttamente. La stampante universale basata su XPS, permetterà di avere un driver comune che permetterà di utilizzare tutte le funzioni della stampante locale del client.

27 mag 2007

Convertire una macchina fisica in una macchina virtuale

Portebbe essere di fondamentale importanza trasformare un server windows in una macchina virtuale, al fine di poter effettuare dei test su upgrade, migrazioni o transizioni.

VMware Vcenter Converter è uno strumento per la conversione P2V (da server fisico a macchina virtuale). Ne esistono due versioni, una freeware "starter" la quale permette una conversione alla volta ed una “enterprise” nel caso aveste la necessità di virtualizzare in contemporanea più macchine.
Il processo viene attivato tramite un semplice wizard, permenttendo una conversione "a caldo" sia in locale che da remoto.
Indispensabile anche nell'ipotesi in cui serva modificare le risorse di un server , come ad esempio la dimensione dell’hd virtuale, oppure l'aggiunta di altri hd e periferiche.
Il tutto può essere applicato anche ai sitemi operativi client.
Vmware Vcenter Converter può essere scaricato da qui: http://www.vmware.com/products/converter/
Avremo bisogno di vmware player (gratuito), virtual server (gratuito) o di Virtual Box o in aggiunta di vmware workstation.
http://www.vmware.com/products/server/

Updated:
Disk2vhd è un tool gratuito fortito da Microsoft Sysinternals in grado di creare VHD (Virtual Hard Disk) partendo da un host fisico, compatibile con Microsoft Virtual PC o Microsoft Hyper-V. Disk2vhd utilizza la funzionalità di Windows 'Volume Snapshot, introdotta con Windows XP, per creare una point-in-time snapshots coerente dei volumi che si desiderano includere in una conversione. Sarà anche possibile creare il VHD sui volumi locali, anche su quelli in fase di conversione (Le prestazioni migliorano quando il VHD risiede su un disco diverso da quello in fase di conversione).
http://technet.microsoft.com/en-us/sysinternals/ee656415.aspx



Come testare il servizio SMTP (Simple Mail Transfer Protocol)

Per testare il servizio SMTP, utilizzando il comando telnet:
1. In un PC che esegue Windows, digitare Telnet nome.smtp.datestare 25 al prompt dei comandi e premere INVIO.
2. L'output sarà simile a quanto segue:
220 computername.microsoft.com ESMTP Server (Microsoft Exchange Internet Mail Service 5.5.2651.58) ready
3. Digitare helo me e premere INVIO. L'output sarà simile a quanto segue:
250 OK
4. Digitare mail from:email@domain.com e premere INVIO. L'output sarà simile a quanto segue:
250 OK - mail from
5. Digitare rcpt to:youremail@yourdomain.com e premere INVIO. L'output sarà simile a quanto segue:
250 OK - Recipient
6. Digitare Data, quindi premere INVIO. L'output sarà simile a quanto segue:
354 Send data. End with CRLF.CRLF
7. Digitare Subject:questo è un test e premere INVIO.
8. Digitare Testing, quindi premere INVIO.
9. Premere INVIO, digitare un punto (.), quindi premere INVIO.L'output sarà simile a quanto segue:
250 OK
10. Digitare quit, quindi premere INVIO. L'output sarà simile a quanto segue:
221 Closing Port / Mail queued for delivery

18 mag 2007

Redirect del sito web di default su exchange

In alcuni casi può tornare utile che la form di logon di outlook web access, venga proposta direttamente sul sito web di default.

1. In primo luogo dobbiamo loggarci sul server che esegue owa.
2. Apriamo "Gestione Internet Information Services" da strumenti di amministrazione.
3. Apriamo "Proprietà" del sito web di default
4. Selezioniamo home directory, e selezioniamo "Reindirizzamento ad un Url" , scriviamo nella text box "/exchange" oppure "owa" nel caso exchange 2007 specificando che si tratta di una sottodirectory dell'url immesso

Ora l'utente si collegherà al sito http://www.dominio.estensione/ anzichè a http://www.dominio.estensione/exchange
Se invece avessimo l'esigenza di effettuare il reditect anche del canale protetto (https), a questo link troviamo una bella kb di un collega MVP che spiega passo passo la procedura da eseguire:
- How to redirect to a secure exchange virtual directory and enable Forms-based authentication


11 mag 2007

Vodafone Internet Box - Windows Vista Driver Update

Non è possibile installare Vodafone Internet Box su un pc che esegue Windows Vista, la periferica cd-rom emulato non viene riconosciuta correttamente.
Il software fornito NON è compatibile con Windows Vista.
Per risolvere questo problema è necessario effettuare un aggiornamento sia del firmware che della dashboard.
Il software di vodafone verrà sostituito con quello del produttore (Huawei E220 HSDPA) .

Ecco i link per il download:
Istruzioni per l'aggiornamento del firmware e della dashboard da windows xp
Firmware e220 fw_11_110_05_00_67
Dashboard e220 fw_11_110_05_00_67

Dopo aver effettuato l'installazione su windows vista sarà necessario specificare nel software di controllo dell'e220 l'apn statico di vodafone (web.omintel.it).

Volendo mantenere il software personalizzato vodafone sarà necessario scaricare i firmware dal sito tedesco di vodafone.
http://www.vodafone.de/hilfe-support/technischer-support/97017.html