24 lug 2007

Windows Vista ReadyBoost

Prima di Windows Vista, operazioni di background quali la scansione e i backup automatici venivano eseguite quando meno potevano influire sull'attività dell'utente. Adesso, con il nuovo sistema operativo Microsoft, la tecnologia Windows SuperFetch rileva le applicazioni più utilizzate e le predispone precaricandole in memoria.
Windows ReadyBoost, utilizzata in combinazione con SuperFetch, consente l'utilizzo di un'ulteriore fonte di memoria in aggiunta alla DRAM per l'elaborazione dei dati e delle applicazioni. Questa funzionalità è ideale per sistemi con capacità di espansione della memoria limitate. Ad esempio, se il notebook ha una capacità di memoria massima di 1 GB, Windows ReadyBoost consente l'utilizzo di un dispositivo di memoria flash, come più rapido supporto di storage per la cache ReadyBoost.
Quando la si collega a una porta USB 2.0 di un sistema Vista, viene visualizzata la finestra di dialogo della funzionalità AutoPlay di Windows Vista AutoPlay (figura 1), che offre la possibilità di utilizzare il dispositivo per ReadyBoost.

23 lug 2007

Utilizzo dello strumento Ntdsutil.exe per assegnare o trasferire ruoli FSMO a un controller di dominio

Sappiamo che con l'applicazione delle moderne piattaforme a 64 bit, gli upgrade in place non saranno più attuabili, ed in futuro sarà più che mai necessario trasferire/assegnare i ruoli dei server.

Trasferimento dei ruoli FSMO tramite Ntdsutil:
1. Accedere a un computer membro o a un controller di dominio basato su Windows 2000 Server o Windows Server 2003 presente nell'insieme di strutture in cui devono essere trasferiti i ruoli FSMO. Si consiglia di effettuare l'accesso al controller di dominio a cui si stanno assegnando i ruoli FSMO. Per trasferire i ruoli Master schema o Master per la denominazione dei domini, l'utente connesso deve essere un membro del gruppo di amministratori dell'organizzazione oppure un membro del gruppo di amministratori di dominio del dominio in cui verranno trasferiti i ruoli Emulatore PDC, Master RID e Master infrastrutture.
2. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare ntdsutil nella casella Apri, quindi scegliere OK.
3. Digitare roles e premere INVIO. Nota Per visualizzare un elenco dei comandi disponibili a ciascun prompt dello strumento Ntdsutil, digitare ? e premere INVIO.
4. Digitare connections e premere INVIO.
5. Digitare connect to server nomeserver e premere INVIO, dove nomeserver è il nome del controller di dominio a cui si desidera assegnare il ruolo FSMO.
6. Al prompt server connections digitare q e premere INVIO.
7. Digitare transfer ruolo, dove ruolo è il ruolo che si desidera trasferire. Per un elenco dei ruoli che è possibile trasferire, digitare ? al prompt fsmo maintenance, quindi premere INVIO oppure consultare l'elenco dei ruoli riportati all'inizio del presente articolo. Per trasferire, ad esempio, il ruolo Master RID, digitare transfer rid master. L'unica eccezione riguarda il ruolo Emulatore PDC, la cui sintassi sarà transfer pdc e non transfer pdc emulator.
8. Al prompt fsmo maintenance digitare q e premere INVIO per accedere al prompt ntdsutil. Digitare q, quindi premere INVIO per chiudere lo strumento Ntdsutil.

Assegnazione dei ruoli FSMO
1. Accedere a un computer membro o a un controller di dominio basato su Windows 2000 Server o Windows Server 2003 presente nell'insieme di strutture in cui devono essere assegnati i ruoli FSMO. Si consiglia di effettuare l'accesso al controller di dominio a cui si stanno assegnando i ruoli FSMO. Per trasferire i ruoli Master schema o Master per la denominazione dei domini, l'utente connesso deve essere un membro del gruppo di amministratori dell'organizzazione oppure un membro del gruppo di amministratori di dominio del dominio in cui verranno trasferiti i ruoli Emulatore PDC, Master RID e Master infrastrutture.
2. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare ntdsutil nella casella Apri, quindi scegliere OK.
3. Digitare roles e premere INVIO.
4. Digitare connections e premere INVIO.
5. Digitare connect to server nomeserver e premere INVIO, dove nomeserver è il nome del controller di dominio a cui si desidera assegnare il ruolo FSMO.
6. Al prompt server connections digitare q e premere INVIO.
7. Digitare seize ruolo, dove ruolo è il ruolo che si desidera assegnare. Per un elenco dei ruoli che è possibile assegnare, digitare ? al prompt fsmo maintenance, quindi premere INVIO oppure consultare l'elenco dei ruoli riportati all'inizio del presente articolo. Per assegnare, ad esempio, il ruolo Master RID, digitare seize rid master. L'unica eccezione riguarda il ruolo Emulatore PDC, la cui sintassi sarà seize pdc e non seize pdc emulator.
8. Al prompt fsmo maintenance digitare q e premere INVIO per accedere al prompt ntdsutil. Digitare q, quindi premere INVIO per chiudere lo strumento Ntdsutil.

Trasferimento dei ruoli FSMO tramite GUI
Se volessimo utilizzare la gui, dovremo ricordarci di registare "schmmgmt.dll", tramite il comando:
regsvr32 schmmgmt.dll

Link di riferimento:
http://www.petri.co.il/transferring_fsmo_roles.htm
http://support.microsoft.com/kb/255504

17 lug 2007

Exchange 2007: Limite dei 10mb sui connettori di ricezione.

In Exchange 2007, la grandezza massima permessa per i messaggi in arrivo è gestita dai vari connettori di ricezione, installati nella nostra organizzazione.
Exchange 2007 contiene 2 connettori di ricezioni predefiniti "Client" e "Default", Il cui parametro "MaxMessageSize" per default è settato a 10 Mb.
Vediamo ora, attaverso Exchange Management Shell, quanti connettori e quali valori troviamo nel nostro ambiente exchange 2007.

Andiamo dunque in EMS e digitiamo il seguente comando:
get-receiveconnector select identity,maxmessagesize. (Figura 1)

Ora incrementiamo il valore "MaxMessageSize" tramite il comando:
set-receiveconnector "Nome Connettore" -maxmessagesize 100MB (Figura 2)
p.s. Attenzione al nome del connettore!!
Figura1:




13 lug 2007

Risposte automatiche, inoltro e fuori sede sono disabilitate su Exchange 2003/2000.

Una domanda ricorrente riguardo exchange 2003 riguarda proprio la fatidica risposta fuori sede.
Per motivi di sicurezza le risposte automatiche, forward e risposte fuori sede sono disabilitate per default in exchange 2000/2003.
Quando viene settata la regola per inivare una risposta fuori sede da un client outlook, le risposte non vengono inoltrate verso le caselle di posta internet.
Per abilitare exchange 2003 all'invio delle risposte fuori sede attenersi alla seguente procedura:
Per i prodotti in lingua inglese:
1. Start Exchange System Manager.
2. Double-click Global Settings, and then click Internet Message Formats.
3. In the Details pane, right-click a domain name, and then click Properties . The default Simple Mail Transfer Protocol (SMTP) domain is * (asterisk).
4. In the Properties dialog box, click the Advanced tab.
5. In the Allowed Types area, click to select the check boxes for the required settings.
6. Click OK.
Per i prodotti in lingua italiana:
1. Eseguire Gestore di sistema di exchange
2. Fare doppio click su Impostazioni Globali, poi su Formato Messaggi Internet.
3. Dal pannello dettagli (a destra), click tasto dx del mouse su *, poi click su proprietà.
4. Dalla mascherà proprietà, clik sul tab Avanzate
5. Aggiungere i check box richiesti
6. Click su ok

11 lug 2007

27 febbraio 2008: Lancio di Windows Server 2008

Sarà il 27 febbraio 2008 la data di lancio di Windows Server 2008, SQL Server 2008, Visual Studio 2008.

04 lug 2007

VMRCPlus è diventato pubblico

VMRCplus è un tool che consente di gestire la configurazione di virtual server nonchè di controllare le macchine virtuali.
E' in grado di effettuare la gestione simultanea di 32 host virtual server.
Le macchine virtuali sono raggruppate in una sola finestra che usa maschere differenti per ogni VM.
VMRCplus è un'applicazione Windows e non richiede IIS per gestire Virtual Server.
Fino a qualche giorno fa, questa utility era a solo ad uso "interno" di Microsoft, è stato sviluppato da un dipendete MSFT.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=80adc08c-bfc6-4c3a-b4f1-772f550ae791&DisplayLang=en

03 lug 2007

Windows Easy Transfer per Windows XP

Windows Easy Transfer consente di copiare in modo automatico file, foto, musica, messaggi di posta elettronica e impostazioni nel computer in cui è installato Windows Vista. Questo rende molto più semplice installare un nuovo computer con tutte le impostazioni e i dati personali. Questo software fornisce il supporto per il trasferimento dei dati con Easy Transfer Cable o attraverso una rete, un'unità esterna oppure CD/DVD. Invece di scaricarlo, è possibile installare Windows Easy Transfer dal CD unito a Easy Transfer Cable o seguendo le direttive presenti nella versione Windows Vista di Windows Easy Transfer su come copiare il programma in Windows XP.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?familyid=2B6F1631-973A-45C7-A4EC-4928FA173266&displaylang=it

02 lug 2007

Windows Vista e l'account amministratore segreto.

In Windows Vista esiste un account amministratore segreto oltre al classico account amministratore.
Questo account differisce dal normale account amministratore che vediamo sul computer. Il suddetto account non fa parte del gruppo amministrator, è una specie di “super amministratore”, un po’ come l’utente root in Linux e nei vari sistemi operativi basati su Unix, e di default è disattivato e nascosto.
Nelle versioni precedenti di Windows rispetto a Windows Vista l’account Amministratore non era nascosto ed i più lo usavano come account principale o addirittura come unico account.
In Windows Vista Microsoft ha voluto cambiare quanto valeva per le versioni precedenti di Windows. In questo nuovo sistema operativo di casa Microsoft l’account Amministratore non è soggetto all’User Account Control (UAC), a differenza dei normali accounts amministratori. Pertanto l’account Amministratore (ovvero quello segreto) può effettuare qualsiasi modifica al sistema senza ricevere le finestre di avviso dell’UAC.
Attivare l’account Amministratore (segreto) è tuttavia un’operazione possibile.
Digitare cmd nel box di ricerca del menù Start, cliccare col tasto destro sull’icona del prompt dei comandi che appare in cima al menù Start, e spuntate la voce Esegui come amministratore (o create un collegamento apposito.
Fatto ciò, digitate quanto segue e successivamente premete Invio:
Net user administrator /active:yes
Da ora in poi, l’account Amministratore (quello segreto) apparirà nella finestra di log-on (quella di Benvenuto, in cui dovete scegliere che account far partire, dopo il boot del sistema), insieme quindi a tutti gli altri eventuali account che avete sul computer. L’account Amministratore segreto potrete dunque usarlo come un normalissimo account, tuttavia avendo tutti i privilegi possibili, superiori, come detto, anche ai normali account amministratori. Questo account Ammistratore non possiede password; pertanto se lo attivate e avete altre persone o account sul computer, è consigliabile assegnargli una password.
Se volete poi disattivare l’account Amministratore appena sbloccato e nasconderlo, inserite il seguente comando in una sessione di DOS:
Net user administrator /active:no
Personalmente vi sconsiglio di tenere attivato costantemente questo account, in quanto un suo uso non ragionato potrebbe risultare dannoso per il sistema a livello di sicurezza e non solo. Per le operazioni di ogni giorno è meglio usare il vostro account normale, con l’UAC attivo.