01 ago 2009

Exchange 2007 SP2: Limiti del Plug-in VSS

Sin da quando è stato rilasciato Exchange SP1 IT-Pro e soprattutto PMI (piccole e medie imprese) si sono chiesti il motivo per cui era stata presa la decisione di NON integrare un plugin nel backup nativo di Windows Server 2008 che fosse in grado di troncare correttamente i log di Exchange. Il Product Group di Exchange ha preso sul serio il feedback negativo ed ha spiegato che a differenza delle versioni precedenti di Exchange Server, si era deciso di non includere un plug-in per il backup in Windows Server 2008. A
giudicare dai thread e dai post di tutte le Community di Exchange, questa spiegazione non era stata sufficiente ed una soluzione doveva essere trovata!
Ci è voluto davvero troppo tempo ma ora la data di rilascio di Exchange 2007 RTM SP2 è imminente e il team ha finalmente deciso di inserire il famoso plug-in nel Backup di Windows Server 2008 in questa release.
Assumendo che il ruolo Backup di Win 2008 e che Exchange Sp2 siano stati installati, diamo una rapida occhiata a quali sono i limiti di questo plug-in.

Backup Plug-in di Exchange 2007 SP2 su Windows Server 2008:
1. I Backup vengono effettuati a livello di volume. Ciò significa che verranno backuppati tutti i dati in un determinato volume. Ad esempio non è possibile scegliere solo il backup di uno SG o DB memorizzato su una LUN con più SG o database.
2. Il plug-in non supporta backup VSS remoti. Il backup deve essere eseguito localmente sui rispettivi Exchange Server 2007.
3. Il plug-in può solo eseguire backup basati su VSS. Gli streaming backup non sono supportati.
4. La destinazione del backup può essere un'unità locale o una condivisione di rete remota. Non esiste nessun supporto per backup eseguiti direttamente su una libreria di nastri.
5. È necessario eseguire backup VSS completi, in caso contrario il troncamento dei log non avverrà.
6. Il plug-in non supporta la replica di Exchange VSS Writer, è quindi impossibile eseguire backup di SG/DB su un nodo cluster di Exchange 2007 passivo.
7. Quando si esegue un ripristino, è possibile scegliere di ripristinare direttamente nella posizione originale o in un percorso alternativo. Quando si ripristina nel percorso originale, il processo di restore è completamente automatico e non occorre controllare che il database sia riscrivibile da un ripristino o smontare il database prima di eseguire il ripristino stesso.
8. Il plug-in NON supporta i gruppi di archiviazione di ripristino. Ciò significa che non è possibile ripristinare direttamente in un RSG. Invece, sarà necessario ripristinare i DB in un percorso alternativo e solo dopo avrer creato il nostro RSG, sarà possibile montare i DB ripristinati direttamente nel RSG.
N.b. In questo caso Attenzione allo stato del DB, eseguite Eseutil.exe /MH “Mailbox Database.edb” e nel caso di un Dirty Shutdown utilizzate Eseutil per portare il db in uno stato di Clean Shutdown eseguendo Eseutil /R E00 /I /d [percorso db]
9. Quando si esegue un ripristino, è necessario ripristinare tutti gli SG e i database che si trovano nello stessa LUN.

Nessun commento:

Posta un commento